lunedì 12 marzo 2012

ANCORA TU - Conserva 'RRR Style' di panettone recuperato

CATEGORIA: conserva.

I CINQUE SENSI PIU' UNO: SENSAZIONI E RICORDI.
Guardo lo spazio vuoto nel freezer dove ha stazionato uno di 'N' panettoni materializzatisi in casa mia sotto le feste. So che durerà poco questo entusiasmo da avvenuto recupero di un alimento solitamente destinato a finire male, quando il colesterolo post natalizio va a far compagnia alle stelle.

So che presto, troppo presto, toccherà a una colomba provare l'emozione di essere conservata a una temperatura da orso polare, nell'attesa che le mie sinapsi mi permettano di partorire un'idea interessante su come riciclarla, ma intanto mi godo questo appagamento della coscienza dovuto al rispetto della politica anti-spreco (vedi la collezione di ricette RRR Style).

Chi va con lo zoppo impara a zoppicare, si usa dire. Questa metafora della contagiosità di atteggiamenti, usi e costumi, ben si adatta anche alla cucina.
Avevo appena finito di preparare  la confettura di ravanelli e mele (vai alla ricetta), quando, guardando i grissini sul ripiano della cucina, ho pensato a realizzare una confettura, o meglio una conserva dolce, di grissini: autentico e verace comfort food. 


Con questa idea in testa ho aperto il freezer per riporre due 'palline' di spinaci  che avevo lessato dopo averli lavati e lavati e lavati (anche la verdura bio che arriva direttamente dall'orto del contadino amico di famiglia ha i suoi lati 'negativi'), riducendomi le mani come due meduse spiaggiate, e l'ho visto.

Il panettone avanzato dalle feste natalizie. Sua maestà il dolce milanese la cui morbidezza e fragranza erano sospese nel tempo nell'attesa di un salvatore, come Han Solo imprigionato nella grafite in Guerre Stellari.

Dai grissini al panettone il passo è stato breve: la conserva sarebbe stato un modo di riciclare questo alimento destinandolo a un nuovo, radioso, ipercalorico futuro.

IL VOLO PINDARICO: L'IDEA.
Così è nata l'idea della conserva di panettone. Una crema densa la cui dolcezza è contrastata dal rum e dall'asprezza del limone, da consumare come meglio si crede: spalmata sul pane tostato con un velo di burro in un tripudio peccaminoso quanto goloso di grassi animali (magari rinfrescata da fragole o lamponi freschi), come base per dolci al cucchiaio per non farsi mancare un extra di calorie quando il corpo, provocato dall'anima, ne ha bisogno o come farcitura di una crostata da immediato rimorso calorico.

COSA CI METTO: INGREDIENTI PER QUATTRO VASETTI DA 120ml.

  • 600 grammi di panettone avanzato (utilizzo tutto: mollica, uvetta, canditi, glassa)
  • 500 ml di latte fresco intero
  • 150 grammi di zucchero semolato
  • 150 ml di rum scuro
  • 1 limone non trattato (succo, polpa e scorza)

COME LO FACCIO. PROCEDIMENTO.
Taglio il panettone a pezzetti.






Lo metto in una capace pentola antiaderente.

Irroro con il latte e il rum, unisco succo, polpa e scorza del limone e lascio riposare per 10-15 minuti.




Trascorso il tempo aggiungo lo zucchero e cuocio su fiamma medio-bassa, mescolando spesso, sino a quando il composto è morbido (circa 40 minuti). Frullo la conserva con il frullatore a immersione, ottenendo una crema molto densa.




Invaso la conserva di panettone in vasetti sterilizzati che chiudo con tappi rigorosamente nuovi e sterilizzati anch'essi.

Capovolgo sul piano di lavoro e lascio raffreddare.

Sterilizzo i vasi pieni ponendoli in una pentola di acqua fredda e proteggendoli dal reciproco contatto con un canovaccio. Lascio bollire per 20 minuti, quindi spengo la fiamma e lascio raffreddare i vasi nell'acqua.

Ripongo in luogo fresco, asciutto e buio dopo aver verificato che il sottovuoto si sia creato correttamente (assenza di 'click-clack' schiacciando la sommità del tappo: se il sottovuoto non si è creato, ripeto la sterilizzazione in acqua bollente del vasetto chiuso; se il problema persiste, sostituisco il tappo con uno nuovo e strerilizzo ancora).





I PRESENTI E GLI ASSENTI: principali allergie e intolleranze alimentari.
Crostacei e prodotti a base di crostacei: NO
Uova e prodotti a base di uova: SI (panettone)
Pesce e prodotti a base di pesce: NO
Arachidi e prodotti a base di arachidi: NO
Cereali contenenti glutine e prodotti derivati: SI
Soia e prodotti a base di soia: NO
Latte e prodotti a base di latte (compreso il lattosio): SI
Frutta con guscio e prodotti derivati: SI (panettone se mandorlato)
Sedano e prodotti a base di sedano: NO
Senape e prodotti a base di senape: NO
Semi di sesamo e derivati: NO
Lupino e prodotti derivati: NO
Molluschi e prodotti derivati: NO
Patate e prodotti derivati: NO


Nessun commento: